La presenza in Giunta di entrambi i sessi non è facoltativa, ma è una condizione che deve essere assicurata dal Comune come prescritto dall’art 8 , comma 3 b), dello Statuto Comunale. Il Sindaco, pertanto, non puo’ esimersi dal nominare almeno una donna in Giunta.”

 A dirlo oggi è Alessio Nicoletti, leader di Movimento Libero e consigliere comunale di Varese, che richiama l’attenzione sull’art.8 comma 3 b), dello Statuto Comunale che recita: “Pari opportunità – Il Comune si impegna nel promuovere azioni positive utili a rimuovere gli ostacoli che, di fatto, impediscono l’effettiva realizzazione della parità tra isessi. Il Comune assicura le condizioni di pari opportunità attraverso l’eguaglianza giuridica, sociale ed economica ed attraverso la presenza di entrambi i sessi nella Giunta e negli altri organi collegiali del Comune, nonché degli enti, aziende ed istituzioni da esso dipendenti.”

“Ci aspettiamo- conclude Nicoletti- che il nostro Statuto abbia piena attuazione e chiediamo agli organismi competenti di viglilare affinchè questo avvenga. Il rischio sarebbe quello di avere una Giunta non legittima sin dalla sua nomina. Abbiamo aspettato ad intervenire perchè l’orientamento annunciato in precedenza dal Sindaco andava nella direzione giusta, ma siamo preoccupati dalle recenti e insistenti indiscrezioni giornalistiche  dalle quali emerge che la presenza di almeno una donna nell’esecutivo non sia per nulla scontata. Non è una questione facoltativa, ma un atto dovuto che faremo rispettare. “